Il progetto vincitore

Postato daStaff Contest il 17_05_2011 / 14:00 Permalink Segnala ad un amico Stampa condividi su Facebook condividi su twitter

L’immagine della facciata della Badia compare attraverso la trama dei rami. Una rete naturale si sovrappone alla superficie. La relazione tra  ARTIFICIO e NATURA è raccontata dalla sovrapposizione delle due diverse realtà. Artificiale e naturale è la relazione tra spazio esterno/verde/percorso/piazza e lo spazio reso interno della nuova configurazione dopo la delimitazione del piazzale.
Questo nuovo spazio diventa sagrato e la sua immagine dall’esterno deve garantire la visione per chi arriva dal percorso, della straordinaria immagine della facciata della struttura millenaria della Badia. La nostra idea è di riproporre per il cancello l’immagine della TRAMA naturale dei rami per permettere a chi arriva dalla città di guardare attraverso un filtro naturale come quello di chi guarda arrivando dalla Via dei Lattari.
I materiali usati sono quelli tradizionali del luogo: ferro e ceramica per il cancello e pietra/calcestruzzo per la scala e il percorso.


Relazione descrittiva

Nell'elaborazione della proposta progettuale si è tenuto conto dell'intera area di progetto non solo come sede di una chiusura, ma come area di snodo tra più percorsi e spazi con funzioni differenti. In base a tale lettura il cancello è stato inteso come elemento integrato all'interno di un sistema più complesso di aperture, sedute e pannelli informativi rientrati in un'unica logica estetica e funzionale.
Il sistema è composto da tre principali gruppi di elementi: la separazione tra la strada e l'area antistante l'Abbazia; la separazione tra il percorso naturalistico e l'area antistante l'Abbazia; il sistema di scale e sedute che si svolge dall'esterno fino all'interno dell'area recintata raccordando i due elementi precedenti.

La separazione dalla strada è stata realizzata tramite un cancello automatico scorrevole per l'accesso carrabile e un cancello pedonale. I due elementi sono collegati da una fascia fissa che ospita i loghi richiesti dal bando di concorso e un pannello informativo relativo all'Abbazia. Il cancello pedonale si configura come un elemento basculante che da un lato consente l'accesso ai pedoni, e dall'altro contiene il logo del Millennio concepito come un vuoto ritagliato all'interno del ferro pieno.

La separazione dal percorso naturalistico è stata realizzata tramite un cancello a battente trattato come gli altri due cancelli sul quale è inciso nella parte in ferro, il logo del Parco dei Monti Lattari.

Questi due sistemi di chiusura, complanari, sono attraversati e collegati da un sistema perpendicolare che, dal lato della strada, si protende verso l'interno del piazzale. Tale sistema comprende le scale per accedere ai percorsi dell'Alta Via dei Monti Lattari, divise dalla strada da un setto in cemento armato che funge da parapetto e che è forato al centro per ospitare un pannello ribaltabile che diventa una seduta esterna. Dal lato opposto, in asse con la scala, un grande pannello che ospita il logo del Comune di Cava de'Tirreni si prolunga verso il piazzale per formare una lunga seduta, questa volta interna. Questo sistema di scale e sedute è integrato con pannelli informativi.

Nella scelta del linguaggio architettonico si è tenuto conto dell'esigenza di rispettare la preesistenza, di lasciar trasparire e di inquadrare la facciata dell'Abbazia. Allo stesso tempo il leit motiv del progetto è stato dettato dalla stretta e sedimentata relazione tra l'Abbazia e lo spazio naturale circostante: l'Abbazia è inquadrata e velata dai rami e dalle foglie del verde che la circonda, ed è questo l'effetto che si è voluto ricreare trattando il cancello come una trama di ferri curvati ed intrecciati in modo irregolare che lasciano travalicare lo sguardo consentendo di avere un'immagine unitaria della facciata nonostante la separazione.

Paolo Casaburi
Maria Luna Nobile
Antonietta Memoli

segreteria organizzativa

mtn internet company srl

c.so mazzini_22 - 84013_cava de’tirreni_sa

tel_fax 089 31 22 124 (125)

http://contest-badia.cittadicava.it

http://contest-badia.youngdesignawards.it

contest-badia@cittadicava.it

privacy